print preview

Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale


Retrospettiva sull’evento per i media Sistema di ricognitori telecomandati 15 (ADS 15)

Giovedì 8 settembre 2002 si è tenuto a Emmen un evento per i media vertente sulla presentazione del sistema di ricognitori telecomandati 15 (ADS 15). I rappresentanti dei media nazionali e internazionali presenti in loco hanno potuto osservare i droni in volo e al suolo. Inoltre, gli esperti di armasuisse e dell'esercito si sono messi a disposizione per rispondere alle domande.

08.09.2022 | Kaj-Gunnar Sievert, settore specialistico Comunicazione, settore di competenza Risorse e supporto

Un ADS15 rotola sull'asfalto di Emmen

Presentazione del sistema di ricognitori telecomandati 15 ad Emmen

Con il Messaggio sull’armamento 2015 è stato richiesto e successivamente avviato l’acquisto di un nuovo sistema di ricognitori telecomandati (ADS 15) per le Forze aeree svizzere. Il sistema di ricognitori telecomandati 15 (ADS 15) del produttore israeliano ELBIT, molto moderno ed efficiente, sostituirà il sistema ADS 95, ormai obsoleto e messo fuori servizio, offrendo alle Forze aeree possibilità di impiego nuove e finora sconosciute.

Con l’arrivo dei primi due ADS 15, il successo dei voli di collaudo e l’avvio di quelli di certificazione con la prova in volo da parte di armasuisse a Emmen, era giunto il momento giusto per una presentazione al suolo e in volo.

Circa una dozzina di rappresentanti dei media nazionali e internazionali era presente in loco e ha avuto l'opportunità di esaminare l’ADS 15 da vicino e dalle angolazioni più disparate.

I rappresentanti dei media hanno potuto osservare i droni ADS sia in sorvolo che all’atterraggio e mentre circolavano al suolo per rientrare nell’area di stazionamento. Il capoprogetto di armasuisse Tobias Burg e il tenente colonnello Daniel Böhm, responsabile per la fase di introduzione del progetto ADSL15, si sono poi rivolti ai presenti e hanno risposto alle loro domande.

Dopo il completamento della prova in volo e l’omologazione da parte dell’autorità per l'aviazione militare MAA, i due droni saranno consegnati alle Forze aeree nel corso del secondo semestre 2022, mentre i quattro restanti seguiranno entro la fine del 2023. 


Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale