print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

ARAT 20 – apparecchio rilevamento di agenti tossici 20

L’ARAT 20 è il sistema destinato a sostituire l’apparecchio detettore di tossici, che ha raggiunto la fine della sua durata di utilizzazione. In totale sono stati acquistati e consegnati all’esercito 800 esemplari del nuovo dispositivo. L’ARAT 20 è costituito da due sottosistemi.

26.03.2021 | Böviz Zsuzsanna e Miller Bernd, Settore specialistico Sistemi di istruzione, di difesa NBC e dei servizi sanitari e di soccorso

L’apparecchio detettore di tossici, introdotto dall’esercito negli anni ‘60 e ormai di impiego consolidato, ha raggiunto il termine della sua durata di utilizzazione ed è stato necessario sostituirlo. Poiché l’esigenza di un apparecchio rilevamento di agenti tossici semplice e utilizzabile rapidamente è tuttora presente, è stato valutato un sistema destinato a succedergli, del quale sono stati acquisiti 800 esemplari.

L’obiettivo era acquistare un prodotto già disponibile per poter disporre di un apparecchio detettore di tossici campale analogico facile da utilizzare e resistente. Si è quindi rinunciato deliberatamente all’acquisto di un apparecchio elettronico per poter disporre di un sistema indipendente e differente dagli strumenti di misura elettronici già disponibili. L’ARAT 20 può essere impiegato senza alimentazione elettrica e ulteriori infrastrutture. Inoltre, questo metodo di misurazione elettronico si distingue radicalmente dagli altri e svolge la funzione di «seconda opinione indipendente».

L'apparecchio rilevamento di agenti tossici ARAT 20 è composto da due sottosistemi e viene impiegato per l’intero spettro di interventi dell’esercito, nonché dall’OPAC (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche).

Il progetto d’acquisto è stato concluso con successo alla fine del 2020 e attualmente è stata avviata la formazione dei quadri. Il sistema verrà impiegato in maniera capillare dal 2022 a livello dei soldati (rivelatore NBC).

Sottosistema ARAT CWA 20

L’ARAT CWA 20 viene utilizzato per la detezione di aggressivi chimici militari classici come gli agenti nervini e l'iprite (CWA: Chemical Warfare Agents). Il sistema è basato ampiamente su quello in dotazione alle forze armate britanniche, il cui sistema di base (Residual Vapour Detector) è stato ripreso esattamente. Le uniche modifiche necessarie hanno riguardato il formato dell’apposita borsa e le istruzioni per l’uso.

Sottosistema ARAT TIC 20

L’ARAT TIC 20 è utilizzato per il rilevamento di prodotti chimici industriali (TIC: Toxic Industrial Chemicals) come cloro, ammoniaca, fosgene, acido cianidrico ecc. La messa in evidenza dei gas oggetto di rilevamento si basa sulla mutazione cromatica di origine chimica e funziona per mezzo della tecnologia del flussometro a tubetto. Questa semplice tecnologia analogica è il complemento perfetto all’attuale apparecchio di rilevamento C (ARC 97) e consente una conferma positiva conforme ai requisiti NATO con esclusione delle fonti di pericolo chimiche. La pompa, il flussometro e i materiali di consumo necessari sono prodotti comunemente reperibili sul mercato. È stato sufficiente sviluppare un’istruzione di lavoro adatta per l’utilizzo militare e una borsa da intervento per il trasporto dei singoli componenti.

ARAT TIC 20: Vista interna completa di pompa, tubi di rilevamento di diversi colori e altri accessori.
ARAT TIC 20: Vista interna completa di pompa, tubi di rilevamento di diversi colori e altri accessori.