Calendario di sfondo armasuisse

Calendario di sfondo 50 anni armasuisse

Nel corso della seconda metà del 2008 si sono svolte all’aerodromo militare di Emmen le prove a terra e in volo per la prevista sostituzione della flotta di F-5E/F Tiger (SPAT). La valutazione è stata diretta da armasuisse e realizzata in collaborazione con le Forze aeree.

A questo scopo, i costruttori hanno messo a disposizione due apparecchi biposto del Gripen, del Rafale e dell’Eurofighter.

Valutazione del Rafale del costruttore Dassault (13.10.2008 – 4.11.2008)

Le prove in volo e a terra del francese Rafale comprendevano 39 voli per un totale di circa 60 ore di volo. Il maggior numero di ore di volo rispetto a quelle del Gripen e dell’Eurofighter è dovuto al fatto che il Rafale è stato utilizzato per effettuare una serie di test ampliati di un secondo tipo di radar. Dopo il Rafale è stata la volta dell’Eurofighter, terzo e ultimo velivolo in lizza.

 

Nel corso della seconda metà del 2008 si sono svolte all’aerodromo militare di Emmen le prove a terra e in volo per la prevista sostituzione della flotta di F-5E/F Tiger (SPAT). La valutazione è stata diretta da armasuisse e realizzata in collaborazione con le Forze aeree.

A questo scopo, i costruttori hanno messo a disposizione due apparecchi biposto del Gripen, del Rafale e dell’Eurofighter.

Valutazione del Gripen del costruttore Saab (28.07.2008 – 19.08.2008)

Le prove in volo e a terra del primo velivolo in lizza, lo svedese Gripen, comprendevano circa 30 voli, per un totale di circa 35 ore di volo. Dopo il Gripen è venuto il turno del francese Rafale.

Nel corso della seconda metà del 2008 si sono svolte all’aerodromo militare di Emmen le prove a terra e in volo per la prevista sostituzione della flotta di F-5E/F Tiger (SPAT). La valutazione è stata diretta da armasuisse e realizzata in collaborazione con le Forze aeree.

A questo scopo, i costruttori hanno messo a disposizione due apparecchi biposto del Gripen, del Rafale e dell’Eurofighter.

Valutazione dell’Eurofighter del costruttore EADS (06.11.2008 – 02.12.2008) La valutazione dell’ultimo velivolo in lizza per la SPAT è iniziata il 6.11.2008 con l’atterraggio dei due Eurofighter e si è conclusa il 02.12.2008 con il loro decollo a destinazione della Germania. Durante la valutazione del velivolo, i piloti di armasuisse e delle Forze aeree hanno effettuato come da programma un totale di 31 voli per 45 ore di volo complessive.

Il 21./22.05.1998, sull’aerodromo di Berna erano stazionati un C-130J HERCULES statunitense e il prototipo dell’italiano C-27 SPARTAN, sui quali sono state effettuate le prove per la valutazione di diverse possibilità di carico militare a  favore dell’impiego della KFOR.

Il programma non prevedeva vere e proprie prove di volo, ma i piloti collaudatori di Emmen hanno comunque potuto effettuare una serie di voli con il C-130J, tra i quali anche atterraggi strumentali (ILS) sull’aerodromo di Emmen in pessime condizioni meteorologiche.

Nel 1979 l’allora Aggruppamento dell’armamento (ADA) ha esaminato l’idoneità di principio di 4 apparecchi per l’impiego nel nostro esercito.

Quindi, nel mese di marzo 1980, sono seguite le prove in Svizzera dei due modelli rimasti nella rosa dei candidati, ossia il francese SUPER PUMA e lo statunitense UH-60 BLACK HAWK.

Dopo una lunga serie di esitazioni sull’eventuale acquisto di un nuovo aereo da combattimento in sostituzione del VENOM, il Consiglio federale ha impartito, anche per ragioni politiche, il mandato per una valutazione in Svizzera dei due apparecchi A-7 CORSAIR e Mirage MILAN.

In seguito a una decisione dell’allora Dipartimento militare federale (DMF), il nuovo aereo da combattimento avrebbe dovuto servire esclusivamente per l’appoggio di fuoco diretto e indiretto a favore delle truppe di terra.

Il 22.12.1971 capo dello Stato maggiore generale aveva ordinato al comando delle truppe d'aviazione e della difesa contraerea di procedere alle prove presso la truppa con entrambi i velivoli entro aprile/maggio del 1972.

Le prove avrebbero dovuto vertere principalmente sulle prestazioni in volo, sull’impiego delle armi e sulla navigazione e secondariamente sulla logistica e l’idoneità alle caverne. Il programma comprendeva 24 voli per l’A-7 CORSAIR 24 e 21 per il MIRAGE MILAN.

Nell’estate del 1972, i servizi interessati hanno assistito all’aerodromo di Belp (Berna) alla presentazione del velivolo Short SKYVAN G-AXPT.

Nel 1984 è iniziata la valutazione di un jet da allenamento per le Forze aeree. Tra i quattro tipi di apparecchi in lizza, ossia MB-339A l’Aermacchi, l’ALPHA JET Dassault, lo HAWK della British Aerospace e l’AVIOJET della Casa 101, sono stati selezionati lo HAWK e l’ALPHA JET, successivamente sottoposti alle prove di dettaglio in Svizzera nel 1986.

Per sostituire la flotta di Alouette III, ormai vetusta, è stata effettuata una valutazione per la scelta di un elicottero leggero da trasporto e addestramento (ELTA), nel cui contesto è stato valutato in Svizzera, tra i modelli in lizza, anche l’Agusta A-109.

Il 07.03.1988, il Consiglio federale ha approvato la proposta del Comitato dell’armamento per la valutazione principale di un nuovo aereo da combattimento, alla quale sono stati sottoposti i modelli F-16C/D e F/A-18C/D.

La valutazione preliminare ha evidenziato chiaramente che i due modelli soddisfacevano le esigenze svizzere ed erano anche meno costosi del MIRAGE 2000.

A quella data il GRIPEN non era ancora pronto per le prove in volo, mentre il Northrop F-20 TIGERSHARK e lo IAI LAVY erano già stati esclusi dalla lista dei velivoli in lizza.

La valutazione dello F-16C/D e dell’F/A-18C/D, ossia dei due velivoli ancora in lizza, si sono svolte a Payerne dal 06.04 al 05.05.1988. Per le prove sono stati utilizzati un F-16D Block 30 biposto delle Forze aeree statunitensi e un CF-18B biposto delle Forze aeree canadesi.

Il 21./22.05.1998, sull’aerodromo di Berna erano stazionati un C-130J HERCULES statunitense e il prototipo dell’italiano C-27 SPARTAN, sui quali sono state effettuate le prove per la valutazione di diverse possibilità di carico militare a  favore dell’impiego della KFOR.

Il programma non prevedeva vere e proprie prove di volo, ma i piloti collaudatori di Emmen hanno comunque potuto effettuare una serie di voli con il C-130J, tra i quali anche atterraggi strumentali (ILS) sull’aerodromo di Emmen in pessime condizioni meteorologiche.

Dopo una lunga serie di esitazioni sull’eventuale acquisto di un nuovo aereo da combattimento in sostituzione del VENOM, il Consiglio federale ha impartito, anche per ragioni politiche, il mandato per una valutazione in Svizzera dei due apparecchi A-7 CORSAIR e Mirage MILAN.

In seguito a una decisione dell’allora Dipartimento militare federale (DMF), il nuovo aereo da combattimento avrebbe dovuto servire esclusivamente per l’appoggio di fuoco diretto e indiretto a favore delle truppe di terra.

Il 22.12.1971 capo dello Stato maggiore generale aveva ordinato al comando delle truppe d'aviazione e della difesa contraerea di procedere alle prove presso la truppa con entrambi i velivoli entro aprile/maggio del 1972. Le prove avrebbero dovuto vertere principalmente sulle prestazioni in volo, sull’impiego delle armi e sulla navigazione e secondariamente sulla logistica e l’idoneità alle caverne. Il programma comprendeva 24 voli per l’A-7 CORSAIR 24 e 21 per il MIRAGE MILAN.