print preview

Meteo al suolo negli aerodromi militari

Le informazioni meteorologiche svolgono un ruolo cruciale nell’aeronautica. Il vento, le nubi e la visibilità sono criteri particolarmente importanti nella pianificazione dei voli e nell’esercizio di un aerodromo. L'articolo seguente presenta vari strumenti per misurare i dati meteorologici.

Raphael Neuhaus, settore specialistico Sistemi di condotta, settore di competenza Sistemi di condotta e di esplorazione

Nell’immagine si vede una nuvola con sotto la scritta Cluster Meteo

 

Nel sistema Meteo al suolo per aerodromi (Flpl Bo Wet), le apparecchiature di misurazione sono installate su entrambe le estremità della pista. I dati dei sensori vengono inoltrati ai server per l’elaborazione e visualizzati tramite i client.

Schizzo della pista dell’aerodromo con sensori, server e client
Schemi del principio Bo Wet 20

I dati dei sensori forniti dal sistema e i messaggi (METAR – METeorological Aerodrome Report) sono un fondamento per l’esercizio sicuro e le previsioni meteo dell’aerodromo (TAF – Terminal Aerodrome Forecast), che sono indispensabili per la pianificazione del volo. Ai fini della preparazione e dell’esecuzione delle missioni, la conoscenza del meteo attuale sull’aerodromo è un prerequisito obbligatorio.

A causa del crescente uso degli aerodromi militari aperti anche al traffico civile e della qualità uniforme dei dati meteorologici dell’aeronautica, è necessario che le attrezzature di misurazione e la catena di elaborazione dati (messaggio METAR) siano conformi alle linee guida dell’aviazione civile internazionale (OACI), quando ciò è possibile.

METAR è un messaggio standardizzato in forma breve, che riporta l'osservazione meteorologica attuale di un singolo aerodromo. Inoltre fornisce informazioni sul vento, in termini di direzione e forza, visibilità, tipo e intensità delle precipitazioni, nuvolosità, altezza e densità della copertura nuvolosa e pressione barometrica. La visibilità e l’altezza della base delle nubi vengono mostrate anche sotto forma di codice cromatico (i colori indicano lo stato attuale).

Attualmente, il nuovo sistema Bo Wet 20 viene installato negli aerodromi militari e sostituisce il sistema Bo Wet 94. Il sistema Bo Wet 20 è equipaggiato con i nuovi sensori di profondità Vaisala e il software SMΛRT di MeteoSvizzera. Con SMΛRT, le osservazioni meteorologiche dell’aeronautica possono anche essere generate e inviate automaticamente (Auto-METAR).

Messaggio METAR con spiegazione su come interpretarlo
Descrizione di un messaggio METAR
© MeteoSchweiz

Perché le attrezzature di misurazione sono collocate sulle due estremità della pista?

A Meiringen, quando soffia il favonio da sud sull’estremità meridionale della pista, su quella settentrionale soffia il vento da nord. Una situazione simile si presenta a Locarno, dove il vento da nord dalla Verzasca soffia contro il vento del Piano di Magadino. È ovvio che i piloti devono sapere da quale direzione e quanto forte soffia il vento, sia in fase di decollo che di atterraggio. Anche la presenza di nebbia al suolo in autunno è un fattore importante.

Client SMART con i dati dal sistema meteo al suolo
Immagine del software SMART
© MeteoSchweiz