print preview

Intervista con Serge Guignard, capo del settore specialistico Servizi commerciali del settore di competenza Sistemi di condotta e di esplorazione.

Serge Guignard intervistato sulle sfide nell’evoluzione continua del settore specialistico Servizi commerciali C+A.

Evelyne Gänsli, Settori specialistici Servizi commerciali e Sistemi di comunicazione, Sistemi di condotta e di esplorazione

Serge Guignard, capo SS FAKo nel centro amministrativo di Guisanplatz 1.
Serge Guignard, capo del settore specialistico Servizi commerciali del settore di competenza Sistemi di condotta e di esplorazione.

Cosa ti ha spinto a passare dal settore specialistico Relazioni esterne al settore specialistico Servizi commerciali del settore di competenza Sistemi di condotta e di esplorazione (FAKo)?

Dopo tanti anni di attività presso il settore di competenza Risorse e supporto volevo tornare a occuparmi di acquisti. Lo stimolo risiedeva nella varietà dei compiti e nella possibilità di assumersi maggiori responsabilità e di contribuire a plasmare attivamente i cambiamenti e le innovazioni in ambito di acquisti. Ad esempio come avviene attualmente nell’ambito dell’implementazione delle raccomandazioni di Deloitte.

Quale è stata la tua sfida più grande finora?

Dal 1° gennaio 2019 abbiamo introdotto una nuova struttura del team. Il passaggio dalla vecchia alla nuova organizzazione ha influito molto sui collaboratori e sulle loro aree di lavoro. Ciò che contava era soprattutto una comunicazione tempestiva e comprensibile, adatta ad accompagnare i collaboratori verso il futuro e stemperare le paure. Allo stesso tempo abbiamo introdotto delle basi di comportamento su come vogliamo interagire tra di noi e con i capoprogetto e i clienti in futuro. Inoltre, per noi era molto importante lavorare alla qualità delle nostre prestazioni.

Cosa faresti diversamente oggi?

Grazie a un intenso scambio tra collaboratori, capi team e io, nella maggior parte dei casi siamo riusciti a riconoscere gli errori per tempo e a prevenirli. C’è un aspetto che oggi vedrei come possibile miglioramento: FAKo ha avuto l’opportunità di assumere molti giovani collaboratori negli ultimi anni, così ora la fascia d’età spazia della generazione dei «baby boomer» ai «millennial». Guardandomi indietro darei ancora più rilievo al tema delle generazioni nel processo di team building.

Cosa ti ha permesso di crescere?

La varietà di compiti e progetti in un’area d’attività molto innovativa dal punto di vista tecnologico, con clienti ambiziosi, come ad es. il Servizio delle attività informative della Confederazione SIC, il Servizio informazioni militare SIM e la Base d’aiuto della condotta BAC. Ma anche la digitalizzazione del mio ambito di lavoro, che mi ha portato metodi di lavoro diversi e nuovi e mi ha dato l’occasione di cambiare di mentalità. E anche i miei quattro capi team, che mi stimolano parlando apertamente e con una cultura orientata al feedback. Inoltre, l’anno scorso ho assunto una maggiore coscienza del fatto che la stima nei confronti delle altre persone è una grande fonte di motivazione e quindi un’importante base per rendere possibile l’iniziativa personale.

Cosa ti rende orgoglioso?

I miei collaboratori, perché percepiscono e assumono sempre più spesso iniziative e responsabilità per plasmare le loro aree di lavoro. Negli ultimi due anni abbiamo implementato numerosi miglioramenti nei processi commerciali legati ai progetti ai armamento nel SC C+E, anche a vantaggio di armasuisse nel suo complesso.
Oggi il processo di miglioramento continuo (PMC) è vissuto e portato avanti dai collaboratori. Le novità vengono elaborate da loro e rappresentate nei comitati decisionali, ad esempio la direzione del SC C+E o il consiglio dei Servizi commerciali. In questo processo i collaboratori si assumono la responsabilità fino alla riproduzione nei processi commerciali e l’implementazione.

Tom Hug, capo team Servizi commerciali Sistemi di esplorazione e di sorveglianza; Claus Köhnen, capo team Servizi commerciali Sistemi informatici/vice capo FAKo; Michael Hess, capo team Servizi commerciali Sistemi di condotta; Serge Guignard, capo settore specialistico Servizi commerciali C+E; Andreas Arni, capo team Servizi commerciali Sistemi di comunicazione nel centro amministrativo di Guisanplatz 1 a Berna.
(da sx a dx) Tom Hug, capo team Servizi commerciali Sistemi di esplorazione e di sorveglianza; Claus Köhnen, capo team Servizi commerciali Sistemi informatici/vice capo FAKo; Michael Hess, capo team Servizi commerciali Sistemi di condotta; Serge Guignard, capo settore specialistico Servizi commerciali C+E; Andreas Arni, capo team Servizi commerciali Sistemi di comunicazione.

Come trascorri il tempo libero? Dove fai il pieno di nuove energie e trovi il giusto equilibrio tra vita personale e lavoro?

La mia famiglia viene al primo posto per me, perché mi dà sostegno, mi consiglia e mi rispecchia. Gli scambi con loro mi consentono in parte di relativizzare e rendere più obiettivi i temi difficili. Questo mi dà forza. Il tempo libero lo trascorro il più possibile nella natura, mi piace nuotare e andare in bicicletta e al momento sto per completare il restauro della mia auto d’epoca.

Se potessi esprimere un desiderio, quale sarebbe?

Vista la situazione attuale desidero che la campagna vaccinale dell’UFSP proceda più rapidamente e che possiamo riacquisire almeno una parte delle nostre libertà, in particolar modo ricominciare a coltivare i contatti sociali in maniera più intensa.

Sei attivo presso armasuisse da 23 anni. Cosa è cambiato in questo periodo?

Ho l’impressione che il mio ambiente di lavoro sia più giovane, o forse sono io a essere invecchiato (ride).
Le esigenze verso i collaboratori e i quadri sono senza dubbio aumentate e tra le altre cose sono cresciuti il volume di lavoro e la pressione delle scadenze. Le modifiche nel settore trovano applicazione nella quotidianità professionale in tempi sempre più rapidi e le prestazioni individuali diventano sempre più trasparenti e quantificabili.

Parallelamente, sono diventate sempre più importanti le soft skill come le competenze sociali e metodiche, l’abilità di lavorare in team, l’apertura ai cambiamenti, l’iniziativa personale e la responsabilità di ogni singolo. Oggi la competenza professionale da sola non è sufficiente per raggiungere il successo, né per i quadri, né per i collaboratori. Nel mondo della gestione progetti conta molto di più far evolvere le competenze, unire persone con diversi background e competenze specifiche in un team e saper raggiungere un obiettivo sotto pressione. In futuro faremo proseguire il processo di evoluzione. Per farlo utilizziamo tra le altre cose le iniziative di Sviluppo del personale.

Breve ritratto

Serge Guignard, sposato e padre di due figlie (17 e 13 anni) lavora dal 01/09/1998 presso armasuisse, dove è stato e continua a essere attivo in diverse funzioni.

  • 1998 – 2001 come impiegato di commercio per progetti/vice capo Servizi commerciali presso l’SC Sistemi aeronautici
  • 2001 – 2006 come responsabile dell’ufficio di Bruxelles (rappresentante del capo dell’armamento presso la NATO e l’Agenzia europea per la difesa)
  • 2006 – 2012 come capo per le relazioni internazionali (RSRe > Stato maggiore Direzione aziendale > SC R+S)
  • 2012 – 2017 come capo per le relazioni esterne (attività politiche e industriali, questioni internazionali, servizio di traduzione)
  • 2012 conseguimento eMPA Unibe
  • Da maggio 2017 capo Servizi commerciali Sistemi di condotta e di esplorazione