print preview

«Con l’F-35A il contratto viene assegnato al sistema più moderno»

In data 30 giugno 2021, il Consiglio federale ha deciso di richiedere al Parlamento l’acquisto di 36 aerei da combattimento del tipo F-35A, sulla base di una valutazione completa a cui hanno partecipato più di 70 esperti. L’F-35A ha dimostrato la maggiore utilità complessiva nella valutazione del DDPS ed è allo stesso tempo il prodotto più economico. A seguito di questo risultato chiaro dell’analisi costi-utilità, l’F-35A si è aggiudicato il contratto.

Darko Savic, capoprogetto «nuovo aereo da combattimento»

Un aereo da combattimento F-35 su una pista di rullaggio.

 

L’F-35 di Lockheed Martin è stato sviluppato con la partecipazione di diversi paesi partner e viene utilizzato in tre versioni. Nella scelta del tipo la Svizzera ha optato per l'F-35A, la versione per le forze aeree basate a terra. Il numero di aerei del tipo F-35A in servizio e pianificati in tutto il mondo è superiore alle 3’000 unità. Tra i paesi europei nei quali il velivolo è attualmente operativo o lo sarà nel prossimo futuro si segnalano il Regno Unito, l'Italia, la Norvegia, i Paesi Bassi, il Belgio, la Danimarca e la Polonia. Ad essi si aggiungono gli Stati Uniti come utilizzatore principale, l'Australia, il Giappone, Israele, la Corea del Sud e, nel prossimo futuro, anche Singapore.

Capacità di sopravvivenza elevata grazie ad una costruzione unica

Dal punto di vista aerodinamico l’F-35A è caratterizzato dall’impennaggio a V. Dispone di comandi di volo elettronici e di un sistema automatico per evitare la collisione con il suolo. Dispone inoltre di una funzione per ripristinare un assetto di volo sicuro in caso di disorientamento spaziale dell’equipaggio.

La costruzione dell’F-35A è concepita in modo da limitare la possibilità del velivolo di essere individuato da parte di sensori radar o a infrarossi nemici. Questo risultato è ottenuto tra l’altro grazie alla forma e alle proprietà delle superfici del velivolo. Come ulteriore misura, tutto il carburante e la maggior parte delle munizioni vengono trasportati all'interno della fusoliera. Non da ultimo, i sensori e le antenne sono integrati sotto le superfici del velivolo. La bassa possibilità di individuazione viene in oltre ottenuta con diverse misure costruttive. L’elevata capacità di sopravvivenza legata a queste caratteristiche è un punto di forza importante per le Forze aeree svizzere. Grazie a queste caratteristiche l’F-35 è in grado di usare, se dovesse essere necessario, il suo armamento prima ancora di essere rilevato da altri sistemi.

Centro di calcolo volante

I sensori e gli altri sottosistemi sono collegati in rete tra loro tramite un computer centrale di missione e linee di trasmissione di dati ad alte prestazioni. Le informazioni vengono mostrate all’equipaggio su un moderno touch screen e sulla visiera del casco. Oltre ai dati, sulla visiera viene trasmessa un’immagine a infrarossi a 360°. Una telecamera per la visione notturna integrata nel casco proietta direttamente le immagini sulla visiera. Grazie a tutto questo, l’F-35A dispone di una superiorità dell'informazione e permette all’equipaggio di avere un'eccellente consapevolezza della situazione in tutti i compiti da svolgere, ed in particolar modo nel servizio quotidiano di polizia aerea.

Flessibilità di impiego

L’F-35A può svolgere tutti i compiti delle Forze aeree svizzere nell’ambito del mantenimento della sovranità sullo spazio aereo, della ricognizione aerea e nel combattimento di obiettivi terrestri. Poiché tutti i sensori necessari a questo scopo sono integrati in modo permanente nel velivolo, non sono necessari cambiamenti di configurazione tra i voli per i diversi ruoli operativi. A livello di armamento aria-aria, vengono trasportati sia il missile a corto raggio AIM-9X con ricerca del bersaglio a infrarossi che il missile a medio raggio AMRAAM con ricerca del bersaglio tramite radar. Nell’ambito aria-terra, è previsto di acquistare un numero contenuto di munizioni di precisione con sensori avanzati che permettono di ridurre al minimo i danni collaterali nell’eventualità di una missione. Nell’ambito aria-terra si tratta semplicemente di ristabilire una capacità limitata per sostenere l’esercito oltre la portata della propria artiglieria.

Concetto di manutenzione sostenibile

Il programma di manutenzione dell’F-35A è basato sull’esperienza dell’aviazione civile e dipende fondamentalmente dalle condizioni dei rispettivi componenti del velivolo. In questo modo si persegue l'obiettivo di evitare le attività di manutenzione preventiva con lunghi tempi di fermo. La logistica viene controllata da un sistema informatico di proprietà che monitora le condizioni del velivolo. Il pacchetto logistico è concepito in modo da poter garantire la sovranità sullo spazio aereo per circa sei mesi, anche se le frontiere sono chiuse e l’approvvigionamento dei pezzi di ricambio da e per l’estero non è assicurato. La manutenzione dei velivoli viene svolta interamente in Svizzera e da personale delle Forze aeree e della RUAG.

Podcast (in tedesco)

L'F-35A è un aereo da combattimento di 5a generazione. Quali sono le sue differenze rispetto agli altri aviogetti e di cosa è capace ce lo spiegherà Beni Berset, capopilota collaudatore del progetto «Nuovo aviogetto da combattimento», nel podcast di SRF Digital.